andreabozza.net logo

ROMA: L' EUR


Doveva rappresentare il simbolo, il fiore artistico all'occhiello di un regime che si credeva saldamente ancorato alla realtà della storia,
l'apoteosi architettonica della potenza imperiale italiana proiettata verso nuove conquiste territoriali
e verso una trionfale crescita demografico urbanistica.
E divenne, invece, un sogno metafisico, una sorta di città immaginaria,
calata sul terrenissimo suolo della campagna meridionale di Roma, appena fuori porta tra l'Urbe e il mare.

Così scriveva Massimo Jevolella in un bel articolo di qualche tempo fa.
E il quartiere dell'Eur, concepito negli anni trenta per ospitare l'Esposizione Universale di Roma,che avrebbe dovuto svolgersi nel 1942
'' da cui la sigla''. L'esposizione non ebbe mai luogo, cancellata dagli eventi bellici, ma la sigla rimase.
Il progetto , passò indenne attraverso la follia della guerra, sopravisse all'abbattimento del fascismo stesso,
fu ripreso e realizzato nei primi anni cinquanta, intorno al primo nucleo ch'era già sorto fra il 1938 e il 1940.

Al di là di ogni considerazione e valutazione storico politica e architettonica, quello che mi ha sempre affascinato dell'Eur
è il richiamo visionario e metafisico alle immagini dipinte da Giorgio De Chirico nei primi decenni del secolo scorso,
quando l'artista rivelò nelle sue suggestive e personalissime piazze italiane, tutto il vero senso della dimensione onirica e ultraterrena della sua ispirazione. Ritroviamo in entrambe le piazze e negli edifici sia in quelli dipinti che in quelli dell'Eur elementi ricorrenti,
come gli archi ossessivamente disposti in rigide fughe, dove il gioco esasperato della prospettiva si rovescia in un effetto di visione surreale e di mistero,
le analogie si ripetono nelle scansioni nette delle luci e delle ombre mai sfumate, nelle statue e nei giganti pietrificati,
accanto a cavalli che impennano verso il cielo, testimonianze enigmatiche e inquietanti della modernità e del disagio umano.

Proseguendo su questa strada, amando da sempre la pittura di De Chirico, alla fine mi sono divertito anch'io, ispirandomi a Jevolella
ho messo in relazione immagini reali, con alcuni dipinti di De Chirico,
mi sembra proprio che l'analogia risulti, non surreale ... ma molto reale!

Il  monumentale Palazzo della Civiltà del Lavoro - 1938 / 1940 -
1 / 34 ‹   › ‹  1 / 34  › pause play enlarge slideshow
Il monumentale Palazzo della Civiltà del Lavoro - 1938 / 1940 -
ROMA: L' EUR
2 / 34 ‹   › ‹  2 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
3 / 34 ‹   › ‹  3 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
4 / 34 ‹   › ‹  4 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
5 / 34 ‹   › ‹  5 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
6 / 34 ‹   › ‹  6 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
7 / 34 ‹   › ‹  7 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
8 / 34 ‹   › ‹  8 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
9 / 34 ‹   › ‹  9 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
10 / 34 ‹   › ‹  10 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
11 / 34 ‹   › ‹  11 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
12 / 34 ‹   › ‹  12 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
13 / 34 ‹   › ‹  13 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
14 / 34 ‹   › ‹  14 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
15 / 34 ‹   › ‹  15 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
16 / 34 ‹   › ‹  16 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
17 / 34 ‹   › ‹  17 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
18 / 34 ‹   › ‹  18 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
19 / 34 ‹   › ‹  19 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
20 / 34 ‹   › ‹  20 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
21 / 34 ‹   › ‹  21 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
22 / 34 ‹   › ‹  22 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
23 / 34 ‹   › ‹  23 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
24 / 34 ‹   › ‹  24 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
25 / 34 ‹   › ‹  25 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
26 / 34 ‹   › ‹  26 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
27 / 34 ‹   › ‹  27 / 34  › pause play enlarge slideshow
ROMA: L' EUR
28 / 34 ‹   › ‹  28 / 34  › pause play enlarge slideshow
La sagoma imponente del Palazzo della Civiltà del Lavoro, con le statue che rappresentano le arti,la prospettiva angolare ricorda il quadro ''TORINO A PRIMAVERA'' dipinto da De Chirico nel 1914 - La sagoma imponente del Palazzo della Civiltà del Lavoro, con le statue che rappresentano le arti,la prospettiva angolare ricorda il quadro ''TORINO A PRIMAVERA'' dipinto da De Chirico nel 1914
29 / 34 ‹   › ‹  29 / 34  › pause play enlarge slideshow
La sagoma imponente del Palazzo della Civiltà del Lavoro, con le statue che rappresentano le arti,la prospettiva angolare ricorda il quadro ''TORINO A PRIMAVERA'' dipinto da De Chirico nel 1914
La sagoma imponente del Palazzo della Civiltà del Lavoro, con le statue che rappresentano le arti,la prospettiva angolare ricorda il quadro ''TORINO A PRIMAVERA'' dipinto da De Chirico nel 1914
Un gigante di pietra domina la piazza del Palazzo della Civiltà del Lavoro, l'imponente parallelepipedo alto 68 metri. Una visione onirica che De Chirico aveva anticipato su tela in '' PIAZZA D'ITALIA CON STATUA EQUESTRE'' del 1939
30 / 34 ‹   › ‹  30 / 34  › pause play enlarge slideshow
Un gigante di pietra domina la piazza del Palazzo della Civiltà del Lavoro, l'imponente parallelepipedo alto 68 metri. Una visione onirica che De Chirico aveva anticipato su tela in '' PIAZZA D'ITALIA CON STATUA EQUESTRE'' del 1939
Sotto gli archi del Palazzo della Civiltà, opera degli architetti Guerrini, La Padula e Romano, le statue delle Arti e la severità classica di  ''MEDITAZIONE AUTUNNALE'' dipinto del 1911
31 / 34 ‹   › ‹  31 / 34  › pause play enlarge slideshow
Sotto gli archi del Palazzo della Civiltà, opera degli architetti Guerrini, La Padula e Romano, le statue delle Arti e la severità classica di ''MEDITAZIONE AUTUNNALE'' dipinto del 1911
Una visione del Palazzo dei Congressi, con fontana, opera dell'architetto Adalberto Libera del 1938  confrontato con  il dipinto di De Chirico ''I PIACERI DEL POETA'' del 1912
32 / 34 ‹   › ‹  32 / 34  › pause play enlarge slideshow
Una visione del Palazzo dei Congressi, con fontana, opera dell'architetto Adalberto Libera del 1938 confrontato con il dipinto di De Chirico ''I PIACERI DEL POETA'' del 1912
Ancora una visione con colonne del Palazzo dei Congressi, richiamato dal dipinto  '' MISTERO E MALINCONIA DI UNA STRADA'' del 1914
33 / 34 ‹   › ‹  33 / 34  › pause play enlarge slideshow
Ancora una visione con colonne del Palazzo dei Congressi, richiamato dal dipinto '' MISTERO E MALINCONIA DI UNA STRADA'' del 1914
Un'altra prospettiva del Palazzo dei Congressi, che si presta all'analogia con ''THE DEPARTURE OF THE POET'' del 1914
34 / 34 ‹   › ‹  34 / 34  › pause play enlarge slideshow
Un'altra prospettiva del Palazzo dei Congressi, che si presta all'analogia con ''THE DEPARTURE OF THE POET'' del 1914
Share
Link
https://www.andreabozza.net/roma_l_eur-r11315
CLOSE
loading